Due Diligence

Home » IT » Che cos'è? » Due Diligence


Cos'è la Due Diligence?

La due diligence è un'indagine, una revisione contabile o una revisione effettuata per confermare i fatti di una questione in esame. Nel mondo finanziario, la due diligence richiede un esame della documentazione finanziaria prima di concludere una transazione proposta con un'altra parte.

Capire la Due Diligence

La due diligence è diventata una pratica comune (e un termine comune) negli Stati Uniti con il passaggio del Securities Act del 1933. Con tale legge, i commercianti di valori mobiliari e i broker divennero responsabili della piena divulgazione di informazioni materiali sugli strumenti che vendevano. La mancata comunicazione di tali informazioni ai potenziali investitori ha reso i commercianti e i broker perseguibili penalmente.

Punti Chiave

  • Il singolo investitore può condurre una due diligence su qualsiasi azione utilizzando informazioni pubbliche prontamente disponibili.

  • La stessa strategia funzionerà su molti altri tipi di investimenti.

  • Guarda i numeri della società. Confrontare i numeri nel tempo. Confrontali con i loro concorrenti' numeri.

Gli autori della legge hanno riconosciuto che la richiesta di una completa divulgazione ha reso i commercianti e i broker vulnerabili a un'ingiusta azione penale per non aver rivelato un fatto materiale che non possedevano o che non avrebbero potuto conoscere al momento della vendita. Pertanto, l'atto includeva una difesa legale: Finché gli operatori e i broker esercitavano "due diligence" quando indagavano sulle società di cui vendevano le azioni, e divulgavano i risultati in modo completo, non potevano essere ritenuti responsabili per informazioni che non erano state scoperte durante l'indagine.

Tipi di Due Diligence

La due diligence viene eseguita da società che stanno valutando di acquisire altre società, nonché da analisti di ricerca azionaria, gestori di fondi, broker-dealer e investitori individuali.

La due diligence da parte dei singoli investitori è volontaria. Tuttavia, i broker-dealer sono legalmente obbligati a condurre una due diligence su un titolo prima di venderlo.

Due Diligence per gli investitori in azioni e gli investitori start-up

Di seguito sono riportate 10 fasi per i singoli investitori che effettuano la due diligence. La maggior parte sono legate alle azioni, ma in molti casi possono essere applicate alle obbligazioni, ai beni immobili e a molti altri investimenti.

Dopo questi 10 passi sono alcuni consigli per considerare un investimento in una start-up.

Tutte le informazioni di cui avete bisogno sono prontamente disponibili nelle relazioni trimestrali e annuali della società e nei profili aziendali sui siti web di notizie finanziarie e sui siti di brokeraggio di sconti.

Passo 1: Analizzare la capitalizzazione della società

La capitalizzazione di mercato di una società’, o valore totale, indica la volatilità del prezzo del titolo, l'ampiezza della sua proprietà e le potenziali dimensioni dei mercati target della società.

Le società a grande capitalizzazione e le mega-cap tendono ad avere flussi di reddito stabili e una base di investitori ampia e diversificata, il che tende a portare a una minore volatilità. Le società a media e piccola capitalizzazione hanno tipicamente maggiori fluttuazioni nei prezzi delle loro azioni e utili rispetto alle grandi società.

Fase 2: Tendenze di ricavi, profitti e margini

Il conto economico della società elencherà i suoi ricavi o il suo risultato netto o l'utile. Questo è la linea di fondo. È importante monitorare l'andamento nel tempo dei ricavi, delle spese operative, dei margini di profitto e del rendimento del capitale proprio di una società.

Il margine di profitto della società viene calcolato dividendo il suo utile netto per i suoi ricavi. È meglio analizzare il margine di profitto su più trimestri o anni e confrontare tali risultati con le società dello stesso settore per ottenere una certa prospettiva.

Passo 3: Concorrenti e industrie

Ora che si ha un'idea di quanto sia grande l'azienda e di quanto guadagni, è tempo di dimensionare il settore in cui opera e la sua concorrenza. Ogni azienda è definita in parte dalla concorrenza.

Confrontare i margini di profitto di due o tre dei suoi concorrenti. L'azienda è leader nel suo settore o nei suoi specifici mercati di riferimento?  E, questo settore è in crescita?

L'esecuzione di una due diligence su diverse aziende dello stesso settore può dare all'investitore un'enorme visione di come il settore si sta comportando e di quali aziende sono all'avanguardia.

Passo 4: Multipli di valutazione

Per valutare le aziende vengono utilizzati molti rapporti e metriche finanziarie, ma tre dei più utili sono il rapporto prezzo/utile (P/E), il rapporto prezzo/utile alla crescita (PEG) e il rapporto prezzo/vendita (P/S). Li troverete già calcolati per voi su siti web come Yahoo! Finance.

Mentre ricercate i rapporti di ricerca di un'azienda, confrontate diversi dei suoi concorrenti. Potreste trovarvi ad essere sempre più interessati ad un concorrente.

  • Il rapporto P/E dà un senso generale di quanta aspettativa è costruita nel prezzo delle azioni della società. E' una buona idea esaminare questo rapporto per alcuni anni per assicurarsi che il trimestre in corso sia un'aberrazione.

  • Il price-to-book (P/B) ratio, il multiplo dell'impresa e il rapporto prezzo-vendita (o ricavi) misurano la valutazione della società in relazione al suo debito, ai ricavi annuali e allo stato patrimoniale. Il confronto tra pari è importante in questo caso perché gli intervalli sani differiscono da industria a industria.

  • Il rapporto PEG suggerisce le aspettative degli investitori per la crescita futura dei guadagni dell'azienda e come si confronta con il multiplo dei guadagni attuali.

Fase 5: Gestione e proprietà delle azioni

L'azienda è ancora gestita dai suoi fondatori, o il consiglio di amministrazione si è mescolato con molte facce nuove? Le aziende più giovani tendono a essere guidate dai fondatori. Ricercare la biosfera del management per scoprire il loro livello di competenza ed esperienza. Le informazioni sulla biografia possono essere trovate sul sito web della società.

Il rapporto P/E dà un'idea delle aspettative che gli investitori nutrono per la performance a breve termine del titolo.

Scoprite se i fondatori e i dirigenti detengono una quota elevata di azioni e se hanno venduto azioni di recente. L'alta proprietà da parte dei top manager è un vantaggio e la bassa proprietà è una bandiera rossa. Gli azionisti tendono ad essere serviti al meglio quando coloro che gestiscono l'azienda hanno un interesse acquisito nella performance delle azioni.

Passo 6: Bilancio

Lo stato patrimoniale consolidato della società riporterà le attività e le passività, nonché la liquidità disponibile.

Controllate il livello di indebitamento dell'azienda e come si confronta con gli altri del settore. Il debito non è necessariamente una cosa negativa, a seconda del modello di business dell'azienda e dell'industria. Ma assicuratevi che questi debiti siano altamente valutati dalle agenzie di rating.

Alcune aziende e interi settori industriali, come il petrolio e il gas, sono ad alta intensità di capitale, mentre altre richiedono poche attività fisse e pochi investimenti di capitale. Determinare il rapporto debito/capitale proprio per vedere quanto capitale proprio positivo ha la società. In genere, più liquidità genera un'azienda, migliore è l'investimento che può essere. È in grado di far fronte ai propri debiti e di crescere comunque.

Se i dati relativi al totale attivo, al totale passivo e al patrimonio netto cambiano sostanzialmente da un anno all'altro, cercate di capirne il motivo. La lettura delle note a piè di pagina che accompagnano il bilancio e la discussione del management nelle relazioni trimestrali o annuali può far luce su ciò che accade realmente nell'azienda. Potrebbe essere la preparazione per il lancio di un nuovo prodotto, l'accumulo di riserve di utili, o in uno stato di declino finanziario.

Passo 7: Storia dei prezzi delle azioni

Gli investitori dovrebbero ricercare sia il movimento del prezzo a breve che a lungo termine del titolo e se il titolo è stato volatile o stabile. Confrontare i profitti generati storicamente e determinare come si correla con il movimento del prezzo.

Tenete presente che le prestazioni passate non garantiscono l'andamento futuro dei prezzi. Se sei un pensionato in cerca di dividendi, ad esempio, potresti non volere un prezzo del titolo volatile. I titoli che sono continuamente volatili tendono ad avere azionisti a breve termine, il che può aggiungere ulteriori fattori di rischio per alcuni investitori.

Passo 8: Possibilità di diluizione delle azioni

Gli investitori devono sapere quante azioni sono in circolazione e come questo numero è in relazione con la concorrenza. La società ha intenzione di emettere altre azioni? In caso affermativo, il prezzo delle azioni potrebbe subire un duro colpo.

Passo 9: Aspettative

Gli investitori dovrebbero scoprire che cos'è il consenso degli analisti di Wall Street per la crescita dei guadagni, le entrate e le stime dei profitti per i prossimi due o tre anni. Gli investitori dovrebbero anche cercare discussioni sulle tendenze a lungo termine che riguardano il settore e le notizie specifiche dell'azienda in merito a partnership, joint venture, proprietà intellettuale e nuovi prodotti o servizi.

Passo 10: Esaminare i rischi a lungo e a breve termine

Assicuratevi di comprendere sia i rischi del settore che i rischi specifici dell'azienda. Ci sono questioni legali o normative in sospeso? C'è una gestione instabile?

Gli investitori dovrebbero mantenere sempre un sano atteggiamento da sostenitore del diavolo, immaginando gli scenari peggiori e i loro potenziali risultati sul titolo. Se un nuovo prodotto fallisce o un concorrente porta avanti un prodotto nuovo e migliore, che effetto avrebbe sull'azienda? Che effetto avrebbe sull'azienda un salto dei tassi di interesse?

Una volta che avrete completato i passi sopra descritti, avrete una migliore percezione delle prestazioni dell'azienda e di come essa si colloca al livello della concorrenza. Voi'siete pronti a prendere una buona decisione.

Nozioni di base di due diligence per gli investimenti in fase di avvio

Quando si considera di investire in una startup, alcuni dei 10 passi di cui sopra sono appropriati, mentre altri sono solo aren't possibile perché l'azienda non ha't hanno il track record. Ecco alcune mosse specifiche per l'avvio.

  • Includere una strategia di uscita. Oltre il 50% delle startup fallisce entro i primi due anni. Pianificate una strategia per recuperare i vostri soldi in caso di fallimento dell'attività.

  • Considerate la possibilità di entrare in partnership: I partner dividono il capitale e il rischio, in modo da perdere meno se il business fallisce.

  • Cerca la strategia di raccolta per il tuo investimento. Le aziende promettenti possono fallire a causa di un cambiamento nella tecnologia, nella politica del governo o nelle condizioni di mercato. Siate alla ricerca di nuove tendenze, tecnologie e marchi e preparatevi a raccogliere quando vi accorgerete che il business potrebbe non prosperare con i cambiamenti.

  • Scegliete una startup con prodotti promettenti. Poiché la maggior parte degli investimenti viene raccolta dopo cinque anni, è consigliabile investire in prodotti che hanno un crescente rendimento sull'investimento (ROI) per quel periodo.

  • Al posto di numeri difficili sulle performance passate, guarda il piano di crescita del business e valuta se appare realistico.

  • Scegli una start-up con prodotti promettenti.

Considerazioni speciali: Due diligence morbida e dura

Nel mondo delle fusioni e delle acquisizioni (M&A), c'è una distinzione tra "hard"hard" e "soft" forme di due diligence.

'Hard' la due diligence riguarda i numeri. 'Soft' la due diligence riguarda le persone, all'interno dell'azienda e nella sua clientela.

Nell'attività tradizionale di M&A, l'azienda acquirente impiega analisti di rischio che svolgono una due diligence studiando costi, benefici, strutture, attività e passività. Questo è conosciuto colloquialmente come "hard due diligence".

Sempre più spesso, tuttavia, le operazioni M&A sono anche soggette allo studio della cultura, del management e di altri elementi umani di un'azienda. Questo è conosciuto come "soft due diligence".

La dura due diligence, che è guidata dalla matematica e dalla legalità, è suscettibile di interpretazioni rosee da parte di venditori entusiasti. La soft due diligence fa da contraltare quando i numeri vengono manipolati o enfatizzati eccessivamente.

Ci sono molti fattori di successo aziendale che i numeri non possono cogliere appieno, come i rapporti con i dipendenti, la cultura aziendale e la leadership. Quando le operazioni di M&A falliscono, come fanno più del 50% di esse, spesso è perché l'elemento umano viene ignorato.