Criptovaluta

Home » IT » Che cos'è? » Criptovaluta


Che cos'è una Criptovaluta?

Una criptovaluta è una moneta digitale o virtuale che viene protetta dalla crittografia, il che rende quasi impossibile la contraffazione o la doppia spesa. Molte criptovalute sono reti decentralizzate basate su una tecnologia a catena di blocco - un libro mastro distribuito imposto da una rete eterogenea di computer. Una caratteristica distintiva delle criptovalute è che generalmente non sono emesse da nessuna autorità centrale, il che le rende teoricamente immuni da interferenze o manipolazioni da parte del governo.

PRESENTAZIONI CHIAVE

  • Una criptovaluta è una nuova forma di risorsa digitale basata su una rete che è distribuita su un gran numero di computer. Questa struttura decentralizzata permette loro di esistere al di fuori del controllo dei governi e delle autorità centrali.

  • La parola "criptovaluta" deriva dalle tecniche di crittografia che vengono utilizzate per proteggere la rete.

  • Le catene a blocchi, che sono metodi organizzativi per garantire l'integrità dei dati transazionali, sono una componente essenziale di molte criptovalute.

  • Molti esperti ritengono che le blockchain e la tecnologia correlata perturberanno molti settori, tra cui la finanza e la legge.

  • Le criptovalute sono oggetto di critiche per una serie di motivi, tra cui il loro utilizzo per attività illegali, la volatilità dei tassi di cambio e le vulnerabilità dell'infrastruttura sottostante. Tuttavia, sono state anche elogiate per la loro portabilità, divisibilità, resistenza all'inflazione e trasparenza.

"Criptomoneda"

Comprendere le criptovalute

Le criptovalute sono sistemi che permettono di effettuare pagamenti sicuri online, denominati in termini di "gettoni" virtuali, che sono rappresentati da voci di registro interne al sistema. Per "crittografia" si intendono i vari algoritmi di crittografia e le tecniche crittografiche che salvaguardano queste voci, come la crittografia a curva ellittica, le coppie di chiavi pubbliche-private e le funzioni di hashing.

Tipi di criptovaluta

La prima criptovaluta a catena di blocchi o blockchain è stata la Bitcoin, che rimane ancora la più popolare e la più preziosa. Oggi esistono migliaia di criptovalute alternative con varie funzioni e specifiche. Alcune di queste sono cloni o forchette di Bitcoin, mentre altre sono nuove valute che sono state costruite da zero.

Il Bitcoin è stato lanciato nel 2009 da un individuo o da un gruppo conosciuto con lo pseudonimo "Satoshi Nakamoto". A partire dal novembre 2019, erano in circolazione oltre 18 milioni di bitcoin, per un valore di mercato complessivo di circa 146 miliardi di dollari.

Alcune delle criptovalute concorrenti generate dal successo di Bitcoin, note come "altcoins", includono Litecoin, Peercoin e Namecoin, oltre a Ethereum, Cardano ed EOS. Oggi, il valore aggregato di tutte le criptovalute esistenti si aggira intorno ai 214 miliardi di dollari: Bitcoin rappresenta attualmente oltre il 68% del valore totale.

Alcune delle crittografie utilizzate oggi nella criptovaluta sono state originariamente sviluppate per applicazioni militari. Ad un certo punto, il governo ha voluto mettere controlli sulla crittografia simili alle restrizioni legali sulle armi, ma il diritto dei civili di usare la crittografia è stato assicurato per motivi di libertà di parola.

Considerazioni speciali

Al centro dell'attrattiva e della funzionalità di Bitcoin e delle altre criptovalute c'è la tecnologia a catena di blocco, che viene utilizzata per mantenere un libro mastro online di tutte le transazioni che siano mai state effettuate, fornendo così una struttura dati per questo libro mastro che è abbastanza sicura e che viene condivisa e concordata dall'intera rete del singolo nodo, o dal computer che mantiene una copia del libro mastro. Ogni nuovo blocco generato deve essere verificato da ogni nodo prima di essere confermato, rendendo quasi impossibile falsificare le cronologie delle transazioni.

Molti esperti ritengono che la tecnologia a catena di blocchi abbia un notevole potenziale per usi come il voto online e il crowdfunding, e le principali istituzioni finanziarie come JPMorgan Chase (JPM) vedono il potenziale per ridurre i costi delle transazioni semplificando l'elaborazione dei pagamenti. Tuttavia, poiché le criptovalute sono virtuali e non sono memorizzate in un database centrale, un saldo digitale di valuta crittografica può essere cancellato dalla perdita o dalla distruzione di un disco rigido se non esiste una copia di backup della chiave privata. Allo stesso tempo, non esiste un'autorità centrale, un governo o una società che abbia accesso ai vostri fondi o alle vostre informazioni personali.

Vantaggi e svantaggi della criptovaluta

Vantaggi

Le criptovalute mantengono la promessa di rendere più facile il trasferimento di fondi direttamente tra due parti, senza bisogno di un terzo di fiducia come una banca o una società di carte di credito. Questi trasferimenti sono invece garantiti dall'uso di chiavi pubbliche e private e da diverse forme di sistemi di incentivazione, come la Prova del Lavoro o la Prova del Palo.

Nei moderni sistemi di criptovaluta, il "portafoglio" di un utente, o indirizzo del conto, ha una chiave pubblica, mentre la chiave privata è nota solo al proprietario ed è utilizzata per firmare le transazioni. I trasferimenti di fondi sono completati con spese di elaborazione minime, consentendo agli utenti di evitare le elevate commissioni applicate dalle banche e dalle istituzioni finanziarie per i bonifici bancari.

Svantaggi

La natura semi-anonima delle transazioni in criptovaluta le rende adatte a una serie di attività illegali, come il riciclaggio di denaro sporco e l'evasione fiscale. Tuttavia, i sostenitori della criptovaluta spesso apprezzano molto il loro anonimato, citando i vantaggi della privacy come la protezione per gli informatori o gli attivisti che vivono sotto governi repressivi. Alcune valute crittografiche sono più private di altre.

Il Bitcoin, ad esempio, è una scelta relativamente scarsa per condurre affari illegali online, poiché l'analisi forense della catena di blocco Bitcoin ha aiutato le autorità ad arrestare e perseguire i criminali. Esistono però monete più orientate alla privacy, come Dash, Monero o ZCash, che sono molto più difficili da rintracciare.

Critica della criptovaluta

Poiché i prezzi di mercato delle criptovalute si basano sulla domanda e sull'offerta, il tasso al quale una crittocorsa può essere scambiata con un'altra valuta può fluttuare ampiamente, poiché il design di molte criptovalute assicura un alto grado di scarsità.

Il Bitcoin ha sperimentato alcuni rapidi picchi e crolli di valore, salendo fino a 19.000 dollari per Bitcoin nel dicembre del 2017, prima di scendere a circa 7.000 dollari nei mesi successivi. Le criptovalute sono quindi considerate da alcuni economisti una moda passeggera o una bolla speculativa.

Si teme che le criptovalute come il Bitcoin non siano radicate in alcun bene materiale. Alcune ricerche, tuttavia, hanno identificato che il costo di produzione di un Bitcoin, che richiede una quantità sempre maggiore di energia, è direttamente correlato al suo prezzo di mercato.

Le catene di blocco di criptovalute sono altamente sicure, ma altri aspetti di un ecosistema di criptovalute, compresi gli scambi e i portafogli, non sono immuni alla minaccia di hacking. Nei 10 anni di storia di Bitcoin, diversi scambi online sono stati oggetto di hacking e furto, a volte con milioni di dollari di "monete" rubate.

Ciononostante, molti osservatori vedono potenziali vantaggi nelle valute crittografiche, come la possibilità di preservare il valore contro l'inflazione e di facilitare gli scambi, pur essendo più facili da trasportare e dividere rispetto ai metalli preziosi ed esistendo al di fuori dell'influenza delle banche centrali e dei governi.